Ian Fisher & the Present + Town of Saints

Posted by & filed under , , .

28 ottobre 2012 – Senza amplificazione né microfoni, introdotti da Harmen Ridderbos and Heta Salkolahti, ovvero Town of Saints, Ian Fisher & the Present lasciano il pubblico del Godot a bocca aperta. Solo voci e chitarre, non serve altro per l’incanto.
Ian è un grande viaggiatore che raccoglie ricordi ed emozioni lungo il suo cammino, un’avventura che comincia a Ste. Genevieve, nel Missouri: una cittadina di quattromila anime. Non c’era molto da fare, perciò prendere una chitarra e suonare gli è sembrato naturale.
Ian Fisher porta con sé, fin qui, il suo presente, ovvero le scarpe consumate dai chilometri percorsi, ciò che ha imparato lasciandosi alle spalle il suo paese, ma anche il country, il gospel, l’influsso del Mississippi, ovvero il passato. Trova Avellino una città dall’aspetto europeo. “Ogni città riceve la sua forma dal deserto a cui si oppone” direbbe Italo Calvino ne “le città invisibili”, libro che Ian ha molto a cuore. Bisogna viaggiare il più possibile, finché si può, perché “per tutti presto o tardi viene il giorno in cui abbassiamo lo sguardo lungo i tubi delle grondaie e non riusciamo più a staccarlo dal selciato.”

Ian Fisher & The Present

IAN FISHER & THE PRESENT – Autobiographies live @ Godot Art Bistrot (Avellino, Italy,oct.28th 2012)

IAN FISHER & THE PRESENT feat. TOWN OF SAINTS – Rocky Top HD (Live @ Avellino – ITALY 2012)



Licenza Creative CommonsQuest’opera di Radio Cometa Rossa è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.