Alessandro Fiori e la Filarmonica Municipale La Crisi

Posted by & filed under , , .

FioriC’è un fiume malinconico che scorre e in fine precipita in “Cascata”, album realizzato in soli tre giorni ma in cui nulla è affrettato o approssimativo. E’ un disco maturo, che ha avuto modo di ingrossarsi dalla fonte a valle e che ci propone dei veri e propri gioielli ad opera di Alessandro Fiori e la Filarmonica Municipale La Crisi, composta da Pierfrancesco Del Seppia (Voce, Chitarra), Matteo Lenzi (Vibrafono, Organo, Synth, Cori), Giulia Costagli (Sax Tenore, Sax Baritono), Giacomo Putrino (Batteria), Jacopo Staccioli (Trombone, Tromba) che stasera manca all’appello per impegni.
Un incontro ben riuscito è quello fra i musicisti toscani e il cantautore-poeta che per la terza volta in poco tempo torna ad Avellino, sempre al Godot, per il piacere di tutti i presenti.
La simpatia di Fiori è travolgente e dalla tensione emotiva si passa facilmente al sorriso. Fa stretching mentre canta, un po’ come faceva coi Mariposa, e stavolta ci mostra un viso giocondo privo della barba con cui abitualmente va in giro.
Dopo un’introduzione di solo musica in cui la Crisi si presenta al pubblico in tutta la sua bravura ed eleganza, arriva “Un occhio chiuso”, con le sue immagini fatte di intimità, di lenzuola e profumi, la delicata “Dei nei la mappa precisa”, le visioni allucinate al thc della splendida “Big Fish” e brani come “Senza sporcare”, “Un misterioso caso”, “Cascata”, tutti racchiusi nel vinile pregiato prodotto e distribuito in sole trecento copie numerate non ristampabili da ViceVersa Records e Audioglobe.
cascA questi si alternano i piccoli piaceri de “Il gusto di dormire in diagonale”, “Vento” (in cui Fiori inizia a suonare il piano scordato del Godot), “Giornata d’inverno” (canzone dedicata al padre e al passaggio di “timone” alla guida della sua famiglia), il surrealismo de “Il suono del cratere centrale”, la perla “Mi hai amato soltanto” tutti dall’album “Questo Dolce Museo” (Urtovox, 2012). Non mancano pezzi anche da “Attento a me stesso” (Urtovox, 2010) come “Lungomare”, “Fuori piove”, “2 Cowboy per un parcheggio” e “Lucyfer Wash” nel bis.
Ci lascia con una versione alternativa de “il gusto di dormire in diagonale” con organo, intrecciando le sue braccia con quelle di Matteo. E’ uno di quei concerti che potrebbero durare una vita intera senza mai stancare…
Dulcis in fundo: prima di andare via, a locale ormai quasi deserto, Alessandro si è prestato alla simpatica realizzazione di un video per la serie “bathroom session” a cura di Paolo Spagnuolo. Il pezzo scelto? “Muscolo Rosso” di Ilona Staller, conosciuta ai più col nome di Cicciolina.

Alessandro Fiori e la Filarmonica municipale La Crisi LIVE

ALESSANDRO FIORI & FILARMONICA MUNICIPALE LACRISI – Muscolo Rosso (Avellino 2014 Bathroom Session)

Prossime date:

16 febbraio @ Poggio Berni (RN), il Circolo dei Malfattori

21 febbraio @ Contursi Terme (SA), Bandiera Bianca

22 febbraio @ Roma, Fanfulla

08 marzo @ Firenze, Tender

17 aprile @ Milano, La Fabbrica di Olinda

Licenza Creative Commons

Quest’opera di Radio Cometa Rossa è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Licenza Creative CommonsQuest’opera di Radio Cometa Rossa è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.