Le Mostre de “la bella estate”

Posted by & filed under , , , .

11 LuglioI volti di Ming

Ming“Lavora con lentezza”, un quadro per volta, perché l’opera ha bisogno di sedimentare, di rispondere a quell’empatia necessaria all’evoluzione che porta al risultato finale, un risultato non sempre controllabile, proprio per la sua laboriosità. Più l’opera si ispessisce più diventa tridimensionale e viva, per questo Ming non si accontenta di uno o due strati di colore. Non è convenzionale neanche nella scelta dei materiali – vernici industriali ad acqua, smalti, inchiostro di china e carboncini – che si stendono e si amalgamano su quei volti enigmatici, sulle zoommate improvvise. Opere i cui “graffi” sono messi in risalto dall’illuminazione particolare della mostra che ci permette di notare i dettagli ed apprezzare ancora di più i riflessi del nero deciso della mica, contro cui risaltano sguardi intensi, che ti scavano dentro. In alcuni punti ai margini la tela è ancora visibile, in “quel non finito che finisce l’opera”. La circolarità della tholos in cui è collocata la mostra di Fabio Mingarelli per la rassegna de La bella estate ci fa proseguire in due versi opposti e arriviamo all’ultimo quadro senza accorgercene, con il desiderio di vederne ancora altri.

 

Ming 1Ming 2Ming 3

 

 

 

 

 

 

 

 

05 Luglio Il Mondo Matto di Atak

AtakLe coloratissime tavole di Georg Barber (in arte Atak) ci spingono nella tana del bianconiglio lasciandoci cadere in una realtà “alterata” in cui tutto è alla rovescia: la lepre insegue il cacciatore e il leone tiene in gabbia il domatore…
Le favole diventano il campanello d’allarme di cambiamenti epocali e scoperte scientifiche, proprio come il Mago Sabbiolino di Hoffman influenzò le riflessioni psicoanalitiche di Freud sul perturbante. Infatti i riferimenti favolistici di Atak non sono sognanti ma, appunto, perturbanti in quanto destabilizzano il fruitore. La pop-art americana e il fumetto si incontrano su un substrato fatto di influenze che derivano dalle illustrazioni che di sicuro accompagnavano i libri scolastici su cui Atak studiava da bambino, nella Frankfurt sull’Oder.
Le voci di Luca Caserta, direttore artistico della rassegna, e quella della professoressa germanista Sementa ci introducono nel mondo di uno dei maggiori esponenti della scena artistica berlinese contemporanea.

 

 

Le mostre della Bella Estate



Licenza Creative CommonsQuest’opera di Radio Cometa Rossa è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

One Response to “Le Mostre de “la bella estate””

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.